Rileggendo John Doe, con 5 domande a Roberto Recchioni