STAI LEGGENDO : Warhammer 40.000: qualche domanda per iniziare

Warhammer 40.000: qualche domanda per iniziare

Condividi su:

Ok ti è venuta voglia di provare a giocare a Warhammer 40.000, benissimo, vediamo di toglierti qualche dubbio!

E quindi dopo mesi e mesi che mi vedi dipingere miniature e parlarne in live su Twitch hai deciso che vuoi saperne di più su Warhammer 40.000 e magari iniziare un tuo piccolo esercito.

 

Bene, benissimo, Warhammer 40.000 è un hobby molto divertente, rilassante e complesso che stimola la tua creatività in molti modi: c’è il lato strategico, quello artistico e creativo, quello narrativo e il confronto con gli altri. 

 

Tuttavia, muovere i primi passi può essere straniante, ecco perché ho preparato alcune domande e relative risposte per farti iniziare. Ovviamente tutto ciò che scrivo vale anche per Age of Sigmar, che è il lato fantasy moderno di Warhammer.

 

Quanto costa giocare a Warhammer 40.000?

 

Come tutti gli hobby, la prima risposta è “dipende”. Dipende da te, da quanto spazio hai, da quanto ti prende, da quante cose vuoi collezionare, se vuoi creare in case anche lo spazio da gioco, se vuoi dipingere o no. Diciamo che la spesa può variare da 150 euro circa per una scatola base di Kill Team a 150/300 euro per un piccolo esercito.

 

Ovviamente non esiste un limite superiore, come ogni hobby che si rispetti, ma il mio consiglio è di partire piano per non venire sopraffatti da armate, libri di regole e cose che vorreste imparare. Goditi la lenta crescita della tua armata.

 

Insomma, non fare come ho fatto io.

Cosa mi serve per iniziare?

 

Se parliamo solo del gioco, senza i colori e senza elementi scenici, diciamo che per cominciare ci sono due strade: 

 

Le regole sono difficili?

 

Warhammer 40.000, per me, è come il rugby, le regole base non sono così complicate, solo un po’ macchinose, ma comunque all'inizio non ci capisci un cazzo, poi tutto ti si svela. Ciò che lo rende complesso sono le eccezioni che regolano l'identità e lo stile di ogni armata sul campo di battaglia e le molte variabili che possono comporre il tuo esercito. Ogni partita dura massimo 5 turni, ma di solito già al terzo si è capito chi vince, e al momento si gioca cercando di conquistare e mantenere obiettivi che danno punti ogni turno. Una partita può durare dal paio di ore ad anche tutto il pomeriggio o di più, dipende da quanto è grande l’esercito.

 

Ogni turno è composto da 7 fasi.

 


Poi c’è la fase Comando che sarebbe il momento all’inizio del turno in cui il tuo esercito riceve un punto comando che può essere utilizzato successivamente per scatenare effetti particolari, come salvare danni mortali, aumentare i danni di una determinata unità e così via. 

 

Le regole base sono anche comodamente riassunte in un PDF gratuito.

Con quale esercito inizio?

 

Come dicevo poco sopra, la risposta più sensata, secondo me è: da quello che ti piace di più a livello visivo, come lore o da dipingere. Vuoi un gruppo di suore incazzate con carri armati dotati di vetrate? Compra Adepta Sororitas, vuoi giocare con poche unità fortissime? Vai di Adeptus Custodes. Ti piacciono i mostri? Compra Tyranid o magari le forze del Chaos, che hanno più eserciti propri. Non esiste un esercito “più forte” o meglio, esiste perché le regole variano e si bilanciano di continuo come nei videogiochi e alcuni eserciti possono avere regole più recenti ed efficaci, ma se sei all’inizio tutto questo ti è sconosciuto e dovresti solo divertirti a giocare con ciò che ti piace.

 

Il discorso cambia se decidi che vuoi fare tornei ed essere competitivo, in quel caso dovresti studiarti bene tutti i manuali e via via cambiare o aggiornare il tuo esercito in base ai periodi aggiornamenti delle regole, ma è una fase secondaria. Warhammer 40.000 nella maggior parte dei casi vuol dire divertirsi attorno a un tavolo per qualche ora.

 

Soprattutto, ricordati che collezionare, dipingere e giocare sono cose differenti, ma fanno tutte parte dell’hobby e sta a te decidere quanta importanza dargli, non gli altri.

Dove compro tutto il necessario?

 

Ci sono negozi fisici dove poter trovare tutto ma sono sparsi un po’ in giro per l’Italia e non è detto che tu ne abbia uno vicino. La soluzione migliore è quella di affidarsi ai negozi online. Io personalmente ti consiglio Maremma Wargames, perché li conosco, so che sono gente seria, perché mi stanno simpatici e perché sono fornitissimi anche di tutto il necessario per dipingere e creare scenari, ma ce ne sono altri validissimi. Normalmente questi negozi vendono col 25% di sconto rispetto al sito ufficiale e ai negozi ufficiali, in alcuni casi la scontistica è anche maggiore. Normalmente le novità vanno in preordine il sabato e vengono spedite il sabato successivo.

 

Altrimenti, puoi anche buttarti su eBay, Vinted o Subito per trovare armate usate, ce ne sono di dipinte a vari livelli di bravura e persone che vendono in blocco un sacco di roba che magari non usano più.

 

L’unico consiglio: non farti fregare, consulta sempre i prezzi, chiedi in giro, perché in alcuni casi puoi fare buoni affari ma a volte non ne vale la pena.

Dove posso giocare?

 

Giocare Warhammer è una esperienza… complessa. Al di là delle regole richiede molto spazio, un po’ come quando da bambino aprivi il lenzuolo di Battlemaster con la mappa. Ci sono regole precise per i tavoli e per come posizionare gli scenari. Per questo motivo almeno uno di voi dovrebbe avere gli scenari per poter giocare. Ovviamente potete anche fare che quel portapenne è una colonna e la scatola da scarpe un edificio, ma l’effetto finale con gli scenari pitturati sarà ovviamente più bello nel complesso.

 

Volendo si può anche giocare nei negozi, i più grandi di solito hanno almeno un tavolo o due dedicati a Warhammer in cui dovrete solo portare la vostra armata.

 

Tenete a mente che, in base alle dimensioni dell’armata, la partita può durare dall’ora circa alle tre o quattro ore, oppure anche tutta la giornata, prendetela come un momento di aggregazione, non solo come un modo per tirare dadi, come il gioco di ruolo.

È obbligatorio dipingere le miniature?

No, assolutamente, è solo divertente e rilassante se pensi che ti piaccia, ma non devi assolutamente farti venire l’ansia di dipingerle. Certo, un bell’esercito schierato sul campo dipinto tutto da te fa un bell’effetto e il senso di completezza che dà farlo è una bellissima sensazione, ma se non fa per te puoi giocare con le miniature grige. Se il tuo avversario si irrita sono fatti suoi. Al massimo può essere richiesto in determinati tornei, ma non dovrebbe frenarti dal provare a giocare con un esercito grigio. 

 

Un’altra cosa importante è la corrispondenza tra la miniatura e come viene equipaggiata nel gioco. Con tutte le variabili di arma che ci sono è normale che non sia perfettamente identica, l’importante è non esagerare, soprattutto con miniature che sono di dimensioni differenti, ma dipende tutto dal tavolo. Se stai imparando a casa tua anche un tappo di sughero può essere un marine.

 

E con questa risposta si conclude questa prima parte di un progetto più lungo con cui vogliamo introdurre il mondo di Warhammer su N3rdcore, la pittura e tutto il resto. Cose che abbiamo già fatto nelle live di Warhammer Time! se hai qualche dubbio scrivimi e farò il possibile per aiutarti!

 

Commenti

related posts

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi