Loro 2. Tra cinema e meta-cinema