STAI LEGGENDO : L'Odore della Pioggia: un librogame, due punti di vista

L'Odore della Pioggia: un librogame, due punti di vista

Condividi su:

L’Odore della Pioggia è un librogame dalle tinte noir in cui invece di calarsi nei panni di un solo protagonista, come al solito, se ne interpretano due.

Conosco l’autore da più di 20 anni. Matteo è uno dei miei più cari amici, ho seguito la genesi di questo suo lavoro quando era solo un racconto che girava nei gruppi Facebook dedicati ai librogame.


I librogame stanno vivendo una seconda giovinezza. Solo a Lucca Comics & Games sono stati presentati quest’anno 30 nuovi titoli, e tra le novità c’era anche questo L’Odore della Pioggia di Matteo Zaggia, edito da
Vincent Books, distribuito da Raven Distribution.


L’Odore della Pioggia è una “spy story” con due agenti antagonisti incaricati in missioni segrete che li mettono uno contro l’altra. 

L'Odore della Pioggia Matteo Zaggia


Anna ha trafugato una busta contenente importanti documenti classificati che la riguardano. La sua unica via di fuga è raggiungere l’aeroporto. Nick però è sulle sue tracce. 


«Dammi una descrizione».
«Sta al quinto piano».
«Non è una descrizione».
«È una mora da far perdere la testa, può bastarti?»


Nick deve recuperare ad ogni costo i documenti classificati rubati da Anna prima che raggiunga l’aeroporto. Sa che non può fallire dopo il casino che ha combinato in Grecia.

«Solo un aiuto dal cielo può salvarti ora».
«Non scomodiamo il cielo. Sono ateo, anche se credo nell’inferno».


È qui che L’Odore della Pioggia si fa interessante: Il fatto è che lui e lei sono sempre… tu.


In una città tartassata dalla pioggia, vi ritroverete a parteggiare per entrambi, giocarli in maniera equilibrata, per non arrivare a fini premature o finali che soddisfino solo uno dei due. Niente dadi da tirare, nessuna alea, tutto resta nelle mani del lettore il quale, prendendo decisioni continue, si troverà ad affrontare la lettura con la consapevolezza di essere l’unico artefice del destino dei due protagonisti.


Parole in codice, reperti e un inventario di oggetti sono gli unici elementi di cui tenere traccia con matita e gomma per sbloccare possibilità di fuga e di ostacolo e far sì che ogni scelta abbia conseguenze.

L'Odore della Pioggia Matteo Zaggia


E’ questa meccanica il fulcro de L’Odore della Pioggia : paragrafo dopo paragrafo sarà inevitabile affezionarsi ai due agenti segreti rendendo ogni scelta, una scelta soffert
a.


L’espediente per gestire l’inseguimento tra Nick e Anna è un cronografo che farà da contatore: una lancetta indicherà quanto i due siano vicini o lontani tra loro rendendo l’inseguimento sempre più frenetico. Tutti questi parametri vanno segnati su una scheda di gioco molto curata che riproduce un realistico dossier segreto.


La cura dei dettagli è l’altro elemento vincente de L’Odore della Pioggia. Ogni cosa è al posto giusto. Matteo è padrone dei tempi, del ritmo e dell’azione. La cura nel descrivere il tutto con un taglio cinematografico ti porta direttamente dentro la storia. Ogni finale di paragrafo è ben costruito e il passaggio da Anna e Nick è studiato per tenerti incollato al libro fino alla fine. Insomma, c’è tutto quello che ci aspettiamo da una Spy Story classica, ma la resa non è mai stucchevole né tanto meno prevedibile. 


L’Odore della Pioggia non perde un colpo. Tutto si incastra perfettamente. Vi ritroverete a imprecare per aver imboccato una strada sbagliata o per aver chiesto aiuto alla persona sbagliata e sono sicuro che vi strapperà anche diversi sorrisi. 

L'Odore della Pioggia Matteo Zaggia


Un altro elemento di valore è la scrittura: le descrizioni degli ambienti, delle situazioni, dei personaggi che si incontrano. Matteo non lesina i dettagli nel raccontarci la storia di Anna e Nick rendendo i personaggi reali e ogni scena vivida. Mi è capitato di leggere librogame magnifici dal punto di vista del game design ma troppo poveri nella scrittura. La storia ne L’Odore della Pioggia, invece, rimane centrale, senza essere mai sacrificata in favore del gioco


I 3 atti, con una struttura a checkpoint suddivisa in 421 paragrafi, 7 finali e 1 epilogo speciale, garantiscono inoltre un’alta rigiocabilità del titolo. Giocare due personaggi antagonisti è un'ulteriore leva per giocarlo di nuovo e fare scelte completamente differenti.  


L’Odore della Pioggia è una piccola perla da non perdere per tutti gli amanti dei librogame.


Forse non ve ne siete accorti ma fuori piove. Davanti all’Orfeo Inn c’è una macchina sospetta. La busta gialla  è nella stanza con Anna e  il suo contenuto è sparso sul letto. C’è brusio nell’albergo e l’aria si sta facendo tesa. 


Lo senti questo ticchettio?
Il cronografo è partito. 

 

 

Acquistalo qui!

 

Bonus speciale, Librigame: una vita a bivi

related posts

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi