STAI LEGGENDO : Finalmente è troppo tardi, la favola weird di Miki Fossati

Finalmente è troppo tardi, la favola weird di Miki Fossati

Condividi su:

Finalmente è troppo tardi è il nuovo romanzo di Miki Fossati, edito da Zona42 casa editrice specializzata in fantascienza e altre meraviglie. Un romanzo bizzarro, magico, dove fantasmi, vampiri, Andy Murray e l’arte della scrittura si fondono in acrobazie narrative uniche

La recensione di  Finalmente è troppo tardi è stata procrastinata fino all’ultimo momento.

Perché? Probabilmente perché il romanzo di Miki Fossati, edito da Zona42, è un testo unico nel suo genere (o non-genere) che balla tra tantissime etichette: fantascienza? Realismo magico? Weird? Forse sono tutte diciture azzeccate, o tutte sbagliate. Non è un testo semplice da analizzare, soppesare, o spiegare. Quindi mi sono lasciato coccolare dalle sensazioni che ancora oggi, dopo settimane dalla lettura conclusa, mi rimangono addosso

Senza ombra di dubbio Finalmente è troppo tardi è una delle favole moderne più dirompenti del panorama fantastico italiano, una narrazione irriverente, sfacciata e deliziosa di un’immaginazione ultra folle.  Ma andiamo con ordine.

A Whitstable, paesino  sulla costa orientale del Kent in Inghilterra, si materializza l’autobiografia sognante di un italiano che evade dalla madrepatria per ricostruire la propria vita in una terra di fantasmi e incubi stralunati. E non parlo per metafore.  Perché sì, a Whitstable  ciò che sembra normale è in realtà qualcosa di straniante e il meraviglioso viene plasmato in una sequela di eventi normali, ordinari, a volte banalissimi. Il romanzo è scritto come se fosse un diario, forse è nato davvero così, con il nostro Miki-protagonista che scarabocchia tanti pensieri affastellati da surrealismi bizzarri. Un diario e anche un giornale di bordo tra le acque dei mari della fantasia, dove il nostro narratore racconta favole e fiabe fantastiche alla sua giovane figlia.  Come una matrioska le storie nascono all’interno di una macro-storia cornice e un teatro dell’assurdo apre le porte a tutti i lettori di questo libro pittoresco e labirintico.

Miki  Fossati scrive bene, ha una prosa frizzante ed esibita con verve sperimentale. Riesce a rendere meravigliosa anche una passeggiata con un levriero insopportabile, si Jack sei insopportabile. Come accennato prima, in Finalmente è troppo tardi il repertorio fantastico viene normalizzato e reso ordinario, la sospensione dell’incredulità che ci viene richiesta è molto alta, visto che dobbiamo accettare come dato di fatto che a Whitstable  è normalissimo vedere degli Ibridi mostruosi (ma non vi dico come sono fatti eheh), cacciatori di anime e fantasmi (cacciatori famosi poi), Dracula che suona un violino speciale e beve birra nei Pub del Kent e tante altre fantasmagorie che vi faranno sussultare, incuriosire e divertire.

Il libro coinvolge in se tante contaminazioni, da una storia spionistica dalle tinte fantascientifiche alle atmosfere folcloriche inglesi, al romanzo di formazione alla favola. Non è per niente semplice delineare i binari che la storia percorre, sintetizzare la trama è impossibile, tant’é che anche l’editore non si prodiga di molte parole per spiegare il contenuto di questo romanzo. Una cosa è certa, questo romanzo si auto-racconta in una sua auto-biografia narrativa, la storia è la storia della sua nascita e di quella del personaggio-narratore-scrittore che si cimenta a mettere sul bianco la sua stessa vita.

A detta di ciò uno dei momenti più belli di questo romanzo è quando il protagonista sfida in una partita di tennis il campione inglese Andy Murray, un asso della racchetta. I due giocano a tennis, parlano, si confrontano e parlano di fantasmi, a mio avviso questa scena è una delle più belle del romanzo e trasmette un sano e curioso divertimento magico e incantato, Miki Fossati rende Andy Murray un indagatore dell’occulto (in piena tradizione british) che percepisce e comprende le anime dei defunti.

Ed è proprio “ma che cosa sto leggendo” il pensiero che può venirci in mente, perché è come se Francesco Totti si mettesse a parlare con noi prima di una partita di calcetto disquisendo della metafisica dei non-morti. Ecco.

Finalmente è troppo tardi è un libro d’amore, verso il mestiere della scrittura, la magia, e anche verso il realismo che ci può sorprendere quanto il sogno più esoterico e psichedelico. Una storia di un padre e di una figlia, di vampiri, fantasmi e di una musica che lascia il segno in ogni maledetta pagina fino alla fine.

Commenti

related posts

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi