STAI LEGGENDO : The Shilling Shockers è un'antologia che vi entra sotto la pelle tra fumetti e racconti

The Shilling Shockers è un'antologia che vi entra sotto la pelle tra fumetti e racconti

Condividi su:

The Shilling Shockers è un'antologia di fumetti e non solo ideata dal collettivo Ehm Autoproduzioni con un progetto Kickstarter

Storie brevi e inquietanti dalle penne e matite e tastiere di nuovi talenti. Se siete in cerca di questo, The Shilling Shockers è il volume che fa per voi. Ideato dal collettivo Ehm Autoproduzioni, vi propone sei storie dagli stili, linguaggi e sensibilità diverse che però hanno in comune la cosa più importante: sono storie inquietanti che toccano corde emotive in maniera sottile ma non impalpabile. Dato che Ehm ci ha mandato il volume in anteprima e me lo sono bevuto in un sorso, tento di spiegarmi.

 

Per quanto si tratti di storie in cui la violenza è sempre presente, il collettivo ha preferito giocare per sottrazione andando a raccontarla mostrandola poco e, quando arriva, solo nei momenti necessari. Una scelta che trovo parecchio efficace per riuscire a schivare uno dei tranelli in cui, a volte, chi muove i primi passi nel fumetto può commettere quando vuole raccontare una storia horror: sfruttare splatter, gore e violenza esplicita per colpire. Una scelta quest’ultima che, sia chiaro, è sempre legittima e può funzionare alla grande, ma che genera il rischio di cadere nel già visto e non dare modo di fare uscire la propria personalità.

In The Shilling Shockers, invece, di personalità ce n’è un bel po’, e un po’ per tutti i gusti di chi ama l’orrore. Sia che si tratti di testi o disegni trovate una varietà di approcci, dal thriller abissale alla storia più folk, passando per privazioni di sonno allucinanti e drammi casalinghi. Una varietà così ampia negli approcci potrebbe creare confusione o poco collante tra le storie, ma in questo caso è sostenuta da una coerenza compatta negli intenti narrativi del collettivo che permette anche a quelli che sono più due racconti illustrati che fumetti di non risultare fuori fuoco e nemmeno fuori luogo. Sperimentazioni parecchio interessanti all’interno di un volume in cui è palpabile il desiderio di mostrare quanto si è capaci di fare non dando al pubblico quello che si aspetta ma mostrandogli quello che è possibile fare.

 

Un volume antologico che ha un grosso pregio: non si ha mai l’impressione di aver assistito teaser per storie che verranno, o uno showreel per far vedere le capacità di chi vi ha partecipato, ma di aver letto storie autonome e complete che lasciano la voglia di leggerne ancora. Passando da trabocchetti logici della propria mente a quelli ideati da creature sovrannaturali, le storie si coordinano tra di loro così come chi le ha create per creare un'atmosfera che sottilmente ma in modo efficace si crea intorno a chi legge, lasciandolo con una sensazione di disagio e in alcuni casi angoscia, dando in un paio di storie anche modo di creare empatia nei confronti delle persone di cui leggiamo le disavventure.

 

Il volume di 152 pagine a colori, con copertina di Giulio Rincione, sta marciando su Kickstarter a questo link qua.

 

Le storie sono:

- “Talassofobia” testi di Elisa Castellano, disegni di Antonello Cosentino.

- “Argumentum ad hominem” di Neri Cortopassi.

- “La Bestia” di Vittoria Margheri.

- “Uroboro” di Fabrizio Castano.

- “Parasomnia” testi di Claudia Milazzo, disegni di Charlie La Cerva, colori di Elisa Bisignano.

- “Ulster Weavers” Testi di Cosma Bassi, disegni di Sette Valeria.

 

Commenti

related posts

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi