Browsing Tag

Politica

Dylan-Dog-I-colori-della-paura-ico-g

Anche Dylan Dog viene fuori dalle fottute pareti

Atto primo: Tutti lo citano

Dylan Dog, figlio della mente anarchica di Tiziano Sclavi e personaggio di punta della Sergio Bonelli Editore con più di trent’anni di vita editoriale, non è un personaggio destinato a stare lontano dal discorso politico italiano. Anche quando non vorrebbe essere chiamato in causa e preferirebbe stare seduto sulla poltrona a suonare malissimo Il Trillo di Tartini con il clarino o ascoltare qualche battutaccia del suo personale demone-pard Groucho. Che i fumetti fossero diventati di nuovo materiale per i bad guys lo avevamo già capito da un po’ di tempo ma per Dylan Dog c’è la menzione d’onore.

 

Immagine: Dichiarazione nel neo-ministro della Pubblica Istruzione Bussetti

Prendiamo a esempio l’ultima dichiarazione di un politico che ha coinvolto il nostro anti-eroe: quella uscita dalle labbra del ministro dell’Interno Matteo Salvini al Senato, durante la seduta d’interrogazione parlamentare: “Spero che Famiglia Cristiana insieme a Rolling Stone e L’Espresso possano aumentare almeno di 20 volte in settimana. Penso che la mia faccia serva per questo. La prossima volta sarò su Dylan Dog, chissà”.

 

Immagine: Facebook/Roberto Recchioni

A parte la repentina risposta del curatore della serie, non stupisce che la seconda testata più venduta d’Italia venga riconosciuta come antitetica rispetto a ciò che contraddistingue il governo rappresentato dal ministro Salvini. Speriamo che almeno fosse o sia tutt’ora un lettore dell’Old Boy. E se invece vi stupisce il fatto che l’uomo che ha sulla targa della macchina il numero della Bestia sia nello stesso novero di testate in cui è presente anche Famiglia Cristiana, evidentemente vi siete persi quella fantastica saga piena di pathos della costruzione dell’opposizione cattolica. Non vogliamo sapere chi sia lo show runner di quella della sinistra mainstream. E a proposito: ve lo ricordate cosa ha combinato Maurizio Martina?

Il segretario reggente del Pd aveva postato una foto su Facebook in cui a lui era accostato un Dylan neo-tesserato al Pd con l’hashtag #sischerza. Roberto Recchioni non gradì ma Tiziano Sclavi invece ci passò sopra. Ci passò sopra con una trebbiatrice automatica, rilasciando un’intervista a Repubblica in cui chiariva la distanza di Dylan dalla politica. Nulla impedì che nascessero molti meme. Almeno Enrico Letta, fan della testata e foriero di pudicizia, si limitò a fare gli auguri per i trent’anni.

 

Immagine: Facebook/Maurizio Martina

Non solo il segretario del Partito Democratico ha utilizzato in modo improprio la figura dell’Old boy ma anche un altro partito – ormai nella galassia delle microsigle estinte – utilizzò una serie di personaggi dei fumetti per la propria campagna elettorale. Vi dice niente? No, lo so che non vi dice niente ma facciamo finta di sì: rendiamo ora tutto molto più chiaro con la diapositiva di repertorio.

 

Immagine: Google Images/Search

La Sergio Bonelli non ci fece caso: “[SBE] diffida dall’utilizzo illecito del nome e dell’immagine delle sue proprietà intellettuali”.

E adesso andiamo con la fotogallery!

 

Immagine: Google Images/Full-page screenshot

Atto secondo: L’indignazione

Ma se con l’area della sinistra liberale e Rivoluzione Civile non è andata bene, con i ferventi cattolici non è che potesse andare di certo meglio. Ma ad incazzarsi sono stati loro. Il Family Day sembra sì molto lontano ma la sua eco si fa sentire ancora oggi. Però in questo caso è anche la stampa a mettersi contro Dylan Dog, in particolare La Verità, il quotidiano diretto da Maurizio Belpietro. Il titolo dell’articolo è: “Usato contro il Family Day. Pure Dylan Dog è diventato uno spacciatore di fake news”.

 

Immagine: Facebook/Mauro Uzzeo

L’articolo fu scritto in reazione a una vignetta in cui un nerboruto signore picchia Dylan con un cartello anti-gender, vignetta che viene dal numero La fine dell’oscurità ad opera di Mauro Uzzeo e Giorgio Santucci. L’albo suscitò il fervore di Massimo Gandolfini, esponente di spicco del Family Day, che successivamente criticò la testata per le sue prese di posizione, facendo manifesta la sua volontà di chiedere le “pubbliche scuse e gli adeguati risarcimenti”, per aver “diffamato il movimento pro family in modo così violento ed esplicito”.

E ancora su Next Quotidiano si legge: “Tra le condivisioni c’è chi sposa in pieno la tesi di partenza, parlando di “Fumetti per diffondere atteggiamenti culturali molto chiari, concreti e specifici… Ovvero propaganda ideologica verso le nuove generazioni, inoculata dentro a mezzi di intrattenimento”, mentre le Sentinelle in piedi di Legnago segnalano “Eterofobia e discriminazione no? In un fumetto per bambini e ragazzi! …come facevano i regimi: bisogna educarli fin da piccoli!”. E qui, se volete, c’è una divertentissima discussione sotto a un thread di Reddit. Che il grande Chtulu ci abbracci con i suoi preziosi tentacoli.

Interludio: Flashback

Immagine: Recchioni, Carnevale – Mater Morbi, SBE

E’ il 2009 ed Eluana Englaro è deceduta solo da pochi mesi. Nelle edicole esce Mater Morbi, il numero che fa conoscere meglio al grande pubblico bonelliano Roberto Recchioni in quanto autore dylaniato. Mater Morbi è un albo che tratta la malattia da un punto di vista particolare, che in sintesi potremmo riassumere così: “Con la malattia ci devi andare a letto, lascia che il dolore ti attraversi”. O almeno spero di aver capito bene cosa intesse dire l’autore. Il numero venne subito accusato di istigare all’eutanasia dall’allora sottosegretaria alla salute Eugenia Roccella, la quale dalle colonne del Corriere della Sera denunciò il presunto atto sacrilego. Tutto cadde quando si decise a leggere l’albo e a chiedere scusa. E insomma, Dylan è entrato anche nelle vicende del Governo Berlusconi IV. Non male, eh?

Atto terzo: E mo’ so cazzi

Ma è anche successo che fosse Dylan ad arrabbiarsi, sfondando la quarta parete di carta in cui è imprigionato: è capitato che fosse il personaggio stesso a riversare la sua nera e collerica bile davanti alle storture del mondo, in certe occasioni in cui gli sceneggiatori  e i disegnatori non l’hanno mandata a dire a nessuno. Stiamo parlando di una storia particolare in ogni sua forma con Piero Dall’Agnol ai disegni e il Tiz alla scrittura della sua 44esima storia: Albo 69, Caccia alle streghe.

 

Immagine: Splatter, rivista

...si intende infatti l’ondata di censura stile anni Cinquanta che sta incombendo sui fumetti horror. Il protagonista è Justin Criss, sceneggiatore e disegnatore, appunto, di fumetti horror. Come è successo nella realtà per Silver, Justin si ritroverà querelato da un padre benpensante che ha scoperto il figlioletto a leggere i suoi fumetti”*. Queste sono le parole che Sclavi buttò giù l’una dopo l’altra nel 1992 per spiegare al disegnatore cosa avesse in mente per la nuova storia.

Meglio ascoltare ancora le parole del Tiz**.

Caccia alle streghe è un numero di cui vado fiero, ma non è piaciuto a nessuno. Era l’epoca in cui c’erano molti imitatori di Dylan Dog. Dylan Dog ha dato la stura a una serie infinita di imitazioni non dico brutte, però molto forti, molto più splatter. Questo ha provocato addirittura un’interrogazione parlamentare in cui devo dire, Dylan Dog non ci è mai entrato. In tutta la polemica sui fumetti splatter, sanguinari, Dylan Dog non è mai stato nominato né dai giornali né in questa interrogazione parlamentare. Mi ha fatto particolarmente dispiacere che uno dei firmatari di questa interrogazione parlamentare fosse Luciano Violante”.

Già. Il vecchio Silver, allora editore della rivista SPLATTER – non credo bisogni aggiungere altro per spiegare quali fossero i contenuti – si beccò una denuncia e rischiò effettivamente di andare incontro a sanzioni molto pesanti. E infatti ci furono delle interrogazioni parlamentari in merito a molte riviste e fumetti dell’epoca, che ci hanno fatto ricordare i bei vecchi tempi non-così-andati del caro Dr. Wertham.

Qui, invece, come ultima chicca, potete trovare un pezzo di Repubblica dell’epoca in cui Dylan Dog viene chiamato fumetto sado-demoniaco.

Vorrei tanto sapere cosa ne pensi in merito il caro Saudelli . O il buonista Santucci.

La crociata contro i fumetti – di questi tempi pare attualissimo dirlo –  non è mai finita, è sempre dietro l’angolo: che sia per contestarne i contenuti, le forme e i generi, sia per demonizzare lo stesso, innocuo, micidiale, popolare, chiacchieratissimo medium. Ma ci sarà sempre qualcuno pronto a rispondere. Carta e inchiostro. Alla vecchia maniera.

 

Immagine: Tex primo numero, ricolorato, SBE

 

Il vero reboot degli anni ’80 è Donald Trump


Dopo il ritorno agli anni ’80 nella moda, nella musica e nel cinema purtroppo sta tornando anche un certo modo di fare politica figlia di quel decennio (non così bello come ce lo ricordiamo)

Che tempi per chi ha vissuto o è nato all’inizio degli anni ’80! ?Praticamente tutto il mondo dell’intrattenimento ha deciso che le idee nuove sono da sfigati e quelle vecchie andavano già bene così, basta dargli una spolverata. Tornano i Ghostbusters, tornano Jem & The Holograms, torna He-Man, Voltron e i fumetti che leggevi da piccolo ora sono nei cinema. Il bulletto che ti prendeva in giro a scuola ora è più geek di te.

Il bello e il brutto dei ricordi è che si cristallizzano in un momento, lasciando fuori tutto il resto, eliminando il contesto e smussando gli angoli più acuti. Per questo motivo, a meno di non aver vissuto traumi infantili particolarmente devastanti o durante conflitti militari, il periodo della giovinezza ci sembra sempre una figata, un’epoca spensierata in cui il più grande dei drammi era un’interrogazione in cui non avevamo studiato o essere abbastanza pieni di brillantina da spiccare sugli altri studenti.

È anche uno dei motivi per cui alcune cose della nostra gioventù ci sembrano più fighe di quelle dei ragazzi di oggi, con conseguenti operazioni nostalgia e recuperi di ogni tipo.

A tutto ciò si è associata una cultura del nostalgico, del ritorno a quello che ci piaceva nel periodo ’80/ ’90 influenzata dall’arrivo nelle stanze dei bottoni e nei luoghi di creazione culturale di chi in quegli anni c’è cresciuto e ora trasmette al mondo le sue influenze. Così come Tarantino mostra un cinema fortemente legato a ciò che vedeva negli anni ’70, ora abbiamo Stranger Things e il suo delizioso ritorno a un periodo fatto di Dungeons & Dragons, Intellivision e ispirazioni di ET.


Ma la verità è che gli anni ’80 non erano solo un periodo ricco di bellissimi film, musica elettronica e robot giapponesi che si menavano. La metafora più efficace del loro ricordo sono i videogiochi dell’epoca: nella nostra memoria sono capolavori incredibili, ma la verità è che la maggior parte erano spazzatura che oggi non giocheremmo nemmeno sotto tortura. Vi do anche questa triste notizia, ricordate serie TV come Automan o Manimal? Sono durate rispettivamente 12 e 8 episodi, vuol dire che per anni avete guardato repliche su repliche, pensando fossero serie di successo.

Guardiamoli bene questi anni ’80. Un’epoca di rivoluzioni sociali ma anche un periodo di disuguaglianze, di razzismo strisciante, di Guerra Fredda, di muri, di politiche internazionali che hanno di fatto gettato le basi per un Medioriente sempre più incasinato. Un’epoca fatta di politiche reaganiane che nel lungo termine hanno tolto ogni potere contrattuale ai lavoratori, gli USA che fanno porcate in Sudamerica, che ci ha insegnato il consumismo sfrenato, a discapito del pianeta stesso, che ha creato la figura dell’agente di borsa privo di scrupoli, che ci ha consegnato mode come il mullet, i capelli cotonati, le giacche con le spalline, i paninari, gli yuppie, che ha iniziato una discesa sempre più ripida verso il trash televisivo. Un’epoca spensierata della quale ancora paghiamo molte conseguenze. E ve lo dico mentre ascolto We Built this City degli Starship, quindi so di cosa parlo.


(foto: Getty Images)

Come ogni buon film di fantascienza ci insegna, i portali dimensionali sono un rischio. Quando abbiamo aperto quello verso gli anni ’80 all’inizio abbiamo recuperato ciò che ci piaceva dal punto di vista artistico, musicale e visivo, ma non siamo stati attenti e abbiamo permesso ad altre creature di varcare quella soglia per tornare a infestare il nostro mondo. Trump all’epoca era il modello da seguire per milioni di italiani col vestito elegante comprato all’Oviesse che cercavano il successo a tutti i costi, quello in stile Wolf of Wall Street. Oggi ha segnato il ritorno della figura dell’industriale, uno showman con le mani in pasta in politica, l’uomo in giacca e cravatta che “si è fatto da solo” che però si sente parte del popolo, che parla al nostro lato peggiore dicendo “le cose come stanno”. Una figura che porta con sé chiusura dei confini, razzismo del “noi contro di loro”, di una nuova Guerra Fredda.

La verità è che il reboot più veritiero degli anni ’80 non è Stranger Things, è Donald Trump e purtroppo non potremo apprezzarlo in una serie TV, ma rischiamo di avercelo di fronte per almeno quattro anni.


Originally published at www.wired.it on July 25, 2016.