Browsing Tag

Natale

Gli ingredienti di un perfetto film di Natale


Ogni stagione ha le sue tradizioni, ma nessun periodo ha così tanti riti come quello natalizio. Uno dei più importanti è sfruttare i giorni di festa per fare overdose di Una poltrona per due, La vita è meravigliosa, Miracolo sulla 34esima strada, Willy Wonka, ma anche Die Hard, Love Actually e altre pellicole senza le quali non può essere Natale.
 I film natalizi sono un genere codificato, e come tutti i generi ci sono delle regole ben precise da rispettare, un canone a cui aderire, identificato in alcuni fondamentali elementi che devono essere presenti in qualche modo. Dopo anni e anni di passati di fronte alla televisione ho cercato di identificare quelli più importanti.

Il Grinch


Un personaggio fondamentale: quello che per qualche il motivo non sente lo spirito del Natale, lo Scrooge della situazione. Può essere un grande manager che pensa solo ai soldi, un genitore che lavora troppo, una persona arida e delusa, qualcuno sconfitto dalle tristezze della vita… le motivazioni possono variare, ma ci dev’essere qualcuno a cui il Natale, la spensieratezza e la felicità non piacciono più di tanto.

C’è anche la variante del personaggio che vuole, letteralmente, rubare il Natale, facendo sparire i regali o rapendo Babbo Natale. Anche in Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, che pur non è un film ambientato proprio a Natale, ci sono personaggi che “tradiscono” lo spirito di bontà del Natale con comportamenti improntati solo all’avidità e al consumismo.

Il personaggio del Grinch è fondamentale perché si lega al suo acerrimo nemico… quello che ci crede troppo.

L’entusiasta


Ovvero chi alle prime luci natalizie è già pronto a fischiettare “All I want for Christmas is you”, che al primo dicembre ha già riempito la casa di renne di peluche, neve finta, muschio del presepe, stelle di natale e indossa maglioni ridicoli. Quello che continua a ripeterti “Non la senti la magia del Natale?” e spera che nevichi, anche se questo vuol dire il blocco della circolazione e migliaia di autisti arrabbiati. Questo personaggio di solito ha come missione far recuperare agli scettici lo spirito natalizio e, tradizione vuole, subirà almeno una volta una crisi di coscienza che farà vacillare la sua fede. Alla fine probabilmente lo vedremo vicino a un albero addobbato o mentre contempla una casa piena di lucine accanto al tizio che prima non sentiva l’atmosfera natalizia.

Qualcuno deve star male


Non c’è gioia senza patimento. Gente senza lavoro, famiglie povere, malattie terminali, personaggi cattivi (vedi il primo punto) che vogliono chiudere attività belle, tipo una libreria, per far posto a un centro commerciale, terroristi. In alcuni casi la crisi è amorosa e sarà il Natale a far sbocciare la passione. I film di natale, come tutte le grandi storie, nascono da un conflitto o da una crisi da affrontare che, ovviamente, viene risolta con lo spirito natalizio e un po’ di magia. A meno che tu non sia John McLane, in quel caso ci vuole una mitragliatrice, oh oh oh.

Babbo Natale


Poteva forse mancare? Assolutamente no. Di solito è un vecchietto tranquillo che è palesemente uguale a Babbo Natale, ma nessuno se ne rende conto fino alla fine. Come nei film di zombi in cui la gente inizia a nutrirsi di carne umana ma tutti fanno finta di non sapere cosa potrebbe essere. Nella maggior parte dei casi Babbo Natale è un po’ come Gandalf, un vecchio saggio, pieno di poteri, che però decide di non usarli troppo, se non per aiutare persone molto piccole. C’è poi la variante della persona comune che deve vestire i panni di Babbo Natale, dando il via a una serie di equivoci, situazioni comiche e trasformazioni. In questo caso ci deve essere almeno una scena in cui cerca di passare da un camino o guida la slitta in maniera disastrosa. Volendo c’è anche la variante “Babbo Bastardo” ovvero l’inversione tragico/sarcastica del rassicurante vecchietto con la barba bianca.

La Magia


Non solo quella del Natale, ma in generale un elemento sovrannaturale, qualcosa che aiuta i protagonisti o li contrasta, oppure una forza che ne domina la realtà. Possono essere i Gremlins, il mondo di Nightmare Before Christmas o quello del Grinch, gli spettri del Canto di Natale, non importa, l’elemento magico è ciò che caratterizza questo periodo rispetto al resto dell’anno. A volte questo elemento è semplicemente il caso che porta una singola buona azione a scatenare una serie di elementi positivi che poi premiamo il protagonista. L’importante è che ci ricordi che viviamo un momento in cui per un attimo alziamo la testa da impegni, bollette, problemi e speriamo che per qualche motivo tutto andrà bene solo perché il 25 dicembre. Dunque la magia si lega con un altro grande tema dei film natalizi: la speranza.

La Famiglia


Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi. La famiglia, o la sua essenza sono parte integrande del Natale. Alla famiglia si legano momenti classici come i parenti imbarazzanti che non vedi da tantissimo tempo, lo zio bizzarro, la nonna gentile ma un po’ sorda, una bella litigata a tavola perché ancora non hai trovato marito. In questo Mamma ho perso l’aereo è geniale: prende la figura del bambino, solitamente quello che sente di più il Natale, lo trasforma in una sorta di Grinch, gli toglie la famiglia e infine riconcilia tutti, senza dimenticarsi l’elemento magico. Quante sono le possibilità che un bambino resista veramente all’assalto di due ladri?

La redenzione


Parliamo pur sempre di una festività cristiana oltre che di un periodo che ha ispirato decine di adattamenti del Canto di Natale, dunque che natale sarebbe senza un pentimento? Di solito la fase di chiusura di una storia natalizia è particolarmente lunga perché spesso contiene più personaggi e storie che devono trovare la loro conclusione. Il cattivo diventa buono o fa la fine che merita, la persona sola, povera o triste migliora la propria condizione. La famiglia mette da parte le divergenze e cena assieme, il bambino ottiene il regalo tanto sperato, George Bailey non si ammazza e Hans Gruber cade dal Nakatomi Plaza.


Originally published at www.wired.it on December 22, 2016.

Natale con N3rdcore

La lista di regali per chi ha già tutto


La lista è in aggiornamento costante, se vuoi segnalare qualcosa manda una mail a lorenzo@n3rdcore.it, lascia un messaggio sulla pagina Facebook o scrivimi in ogni altro modo possibile.

Cosa gli regalo? Ha già tutto!”, “Oddio mia figlia mi ha chiesto un computer, ma non le piacevano le Barbie?”. E poi parenti disperati che vagano per centri commerciali chiedendo di oggetti misteriosi come la “PerBoPer” (ovvero l’XBOX, fidatevi, è successo davvero in un negozio sardo) o “CalofDauti” e quelli rassegnati che alla fine ripiegano sulla sciarpa, il cappello di lana o, orrore, un regalo utile.

Ma non temete amici, se qualcuno intorno a voi non sa cosa regalarvi per Natale o se voi stessi siete alla ricerca del regalo perfetto ci siamo qua noi. Ecco una lista di feticci nerd nei quali investire i vostri sudati risparmi di un anno, che le Spese Futili siano con voi!

Pensieri fantastici e dove trovarli (1–50€)

Volete seminare il terrore al rifugio sciistico? Perfetto, abbiamo questo passamontagna in lana con sopra un Facehugger che vi permetterà di prendere uno zabaione caldo senza fare la fila, perché saranno scappati tutti.

Per chiunque voglia far capire che legge i libri giusti, ecco una maglietta con la copertina della prima edizione de La Colazione dei Campioni” di Vonnegut.

Per il fan di Guerre Stellari che ha già tutto: il libro con lo storyboard della vecchia trilogia.




Ancora libri, stavolta Art of Atari, ovvero le bellissime copertine di questa vecchia console, assolutamente da non perdere. Ne avevamo già parlato qua.

Dentro di voi c’è un bambino e quel bambino ha visto I Goonies, dategli una di queste action figure old style della ReAction di Chunk, Data o Sloth e nessuno si farà male. (Ci sono anche quelle di Alien)

Sono belli, rendono la vostra libreria molto più figa ed evocano una meravigliosa carrellata di ricordi. Si chiamano Bitmap Books e dovreste almeno comprarvi quello dedicato all’Amiga.




La tazza della Lego è sempre un buon modo per iniziare la giornata, Everything is Awesome! Scherzi a parte, la vera tazza per intenditori è QUESTA.

Noi nerd adoriamo ricevere le cose e adoriamo le sorprese. Se non sapete cosa regalare, donate un abbonamento a The Fun Box, ovvero un ricco bottino di gadget che cambiano secondo un tema deciso mese dopo mese.

Parlando di Lego, avete Lego Dimensions? Ottimo, comprate il set dei Gremlins. Ancora non lo avete? Fate bingo e comprateli entrambi!




Il Fantasy ‘80/’90 è stato uno dei momenti più belli e parrucconi degli ultimi 30 anni, potremmo scegliere tante cose, ma preferiamo buttarci su questa edizione speciale di Labyrinth.

Se cercate la chicca giusta per quel vostro amico cinefilo che se la crede tantissimo, regalategli un piccolo soprammobile ispirato a Essi Vivono. Se non sa cosa è picchiatelo forte, se lo conosce vi sarà eterno debitore.

Tetris è il gioco più bello del mondo, ma la sua storia è stata un incastro di quelli in cui ti rimane uno spazio vuoto nel mezzo e rischi sempre di vedere il Game Over. In “Tetris, Incastri Internazionali” questa storia è raccontata con tutto l’amore che si può avere per i videogiochi.




Coltivate la passione di vostra figlia o della fidanzata per la scienza e il nerdismo. Non lasciate questo campo solo agli uomini che tanto pensano solo a tecnologie più veloci per vedere i porno. Ispiratela con “Le tue antenate

Un vostro amico ascolta solo vinili per darsi un tono? Regalategli queste colonne sonore di vecchi videogiochi rimasterizzate in LP coloratisi e bellissimi.

Siete andati sotto con Westworld? Ottimo allora sapete già di non poter resistere a questa maglietta della Delos, dovete comprarla, è nella vostra programmazione.




Usa la carta di credito Luke (51–100 €)

La tua ragazza legge fumetti dalla mattina alla sera e ogni volta che vede un personaggio femminile che fa la damigella in pericolo si incazza come una biscia? La borsa di Captain Marvel è quello che ci vuole per scatenare la sua potenza.

Difficile scegliere un libro della Read Only Memory che non sia da comprare subito. Per i retrogamer duri e puri consigliamo assolutamente quello dedicato ai Bitmap Brothers, quello su Sensible Software e quello sul Sega Megadrive.

Cercate un maglione da indossare nelle occasioni speciali? Perché non quello ispirato a Nightmare? Metterà a disagio i vostri ospiti in men che non si dica!




Zombicide è tutt’ora uno dei giochi da tavolo più belli e divertenti di sempre. Peccato che si rischi ogni volta di fare le cinque di mattina. Se il gioco lo avete già potete sempre farvi regalare una delle molte espansioni.

Ti è piaciuto Stranger Things? Non negarlo, sappiamo che è così, dunque comprati le sue mitiche lucine di Natale!

Non pensiamo di dover dare grosse spiegazioni sul perché è assolutamente fondamentale parcheggiare una Delorean con tanto di luci e suoni sulla vostra mensola migliore.




Verso l’infinito e oltre (Sopra 100 €)

Se ancora vi rode di quando non vi hanno comprato la pista con le macchinine da piccoli è il momento di rimediare con questa incredibile pista “Race of Victory” della Carrera. Auto graaaaandissime, con tanto di fari, sorpassi, pit stop, consumo gomme, derapate e la vostra compagna che vi sbatte fuori di casa!

Una Regina Aliena è ciò che vi serve davvero per trasformare il vostro salotto in qualcosa di degno di essere vissuto. Fidatevi, io ne ho una.

Esistono molte cose belle della Lego, ma la caserma di Ghostbuster rimane uno dei set più belli e costosi al momento. Se vi guardano male potete sempre dire che è un investimento che frutta più dell’oro (ed è vero).




Judge Dredd ha un’arroganza fuori dal comune, capita quando sei la legge incarnata, ecco perché questa bellissima action figure con tanto di moto secondo noi merita l’attenzione di chi adora il genere.

Bello, pesante, senza fili e decisamente ben fatto. Con un fisico così un mouse così può accompagnare solo. Quel mouse è lo Spatha

Se ti prude la voglia di retrogaming e hai un sacco di cartucce del NES, SuperNes, Mega Drive e Game Boy potresti volere una console che le fa funzionare tutte in un posto solo: il Retron!




E se quella voglia ancora non è sazia, sappiate che HomeCade è forse il modo migliore per placarla, ed è anche un’idea tutta italiana per avere in casa qualcosa di simile a un cabinato ma senza impazzire con configurazioni, ingombri eccetera.

Avete velleità da YouTuber o videomaker ma non sopportate l’idea di portarvi dietro attrezzature pesanti? La Canon Gx7 MarkII è una macchina fotografica compatta che vi permetterà di cavarvela in ogni situazione.

La fissa coi robottoni dei cartoni animati non passa mai, MAI, ecco perché la linea superlusso con Mazinga, Jeeg e Ufo Robot sembra una figata degna di prosciugarvi il portafoglio.