Browsing Tag

Film

Popstar Polka King Take Me Fallet

Now Playing: quattro storie da ridere per gli ultimi giorni di agosto

Estate. Pigrizia. Voglia di ridere. Di rilassarsi. Quattro storie di ridere, nessuna novità perché d’estate puoi pure recuperare roba quasi vecchia. O almeno è quello che ti ripeti tutto l’anno accumulando libri sul comodino da leggere in spiaggia, ma poi invece no. Roba quasi vecchia, o forse già troppo vecchia. Che ormai se è uscito il mese scorso è roba dei tuoi nonni già sbiadita nel tempo, ricoperta dagli altri venti episodi di telefilm che ti sei bingiato settimana scorsa. Ma non c’e l’hai qualcuno con cui parlare? Tutto su Netflix, perché estate, pigrizia e preferisci farti cullare dal comodo streaming della bulimia dell’intrattenimento piuttosto che fare da te, o fare per te.

In ordine del tutto sparso, ma partiamo comunque dal mio preferito.

 

POPSTAR – NEVER STOP NEVER STOPPING

Immaginati un film con protagonista Justin Bieber che interpreta Justin Bieber. Già fa ridere. Il protagonista di Popstar invece si chiama Connor 4 Real ed è una star del pop più pop che c’è, divenuto praticamente solista dopo i primi successi coi suoi migliori amici dei tempi del liceo, molto arrogante, molto egoista, molto inconsapevole di essere una testa di gesso. Chiaramente nessun riferimento a Justin Bieber. Connor 4 Real è interpretato da Andy Samberg mentre i due ex-migliori amici sono interpretati da Akiva Schaffer e Jorma Taccone; questi ultimi due il film lo hanno pure diretto mentre tutti e tre il film lo hanno pure scritto. E tutti e tre sono da anni anche i membri del vero gruppo musicale The Lonely Island, che fa rap dai testi comici ma dalle basi curate nei minimi dettagli e prodotte da alcuni dei migliori producer degli ultimi 10 anni. Insomma se c’era un trio perfetto per un film del genere era proprio questo.

Popstar è girato come un mockumentary che segue l’ascesa, le difficoltà e il crollo di Connor nello stardom della musica pop, mettendo alla berlina tutti gli eccessi e ipocrisie della musica più commerciale che cerca di cambiare pelle per rimanere a galla masticando e sputando via i creativi come fossero alette di pollo. Se apprezzate i Lonely Island è quasi certo che vi piacerà il film, se non li conoscete è un ottimo modo per avvicinarsi al loro stile e deridere con gusto le star del pop. La colonna sonora è sia esilarante che parecchio orecchiabile, così orecchiabile che se non ascoltate i testi vi sfido a distinguerle da canzoni pop serie. Ah, contiene una rara scena con un cazzo in bella vista, e fa scassare dalle risate per come è costruita bene.

TAKE ME

Ray ha un lavoro peculiare: rapire persone che hanno bisogno di togliersi qualche vizio o dipendenza, e impaurirli a morte così tanto da fargli passare la voglia di proseguire con il loro vizio.

È così convinto che sia una bella idea da chiedere un finanziamento in banca, che non viene accettato. Quando Ray viene contattato da una cliente per una sessione lunga un week-end le cose pigliano una strana piega perché i ruoli si ribaltano. E ribaltano. E ribaltano. E Ray deve pure un sacco di soldi al cognato e dopo un po’ non capisce chi ha rapito chi, e perché.

Una commedia un po’ sui generis che flirta col thriller cercando di mischiare le carte, a volte riuscendoci a volte no, si regge in larga parte sui dialoghi e sui due protagonisti, Pat Healy e Taylor Schilling. Non dura nemmeno 90 minuti e qua e là riesce a svelare un paio di emozioni profonde nel protagonista che quasi commuovono.

THE POLKA KING

Jan Lewandoski nasce in Polonia nella città di Bydgoszcz, si diploma al conservatorio di Gandz e arriva negli USA inseguendo il sogno americano. Lo trova come direttore di un’orchestra specializzata in polka e aprendo un negozio di souvenir dedicati alla Polonia. Ma anche truffando un casino di persone mettendo in piedi uno schema Ponzi che gli frutta un sacco di soldi, finché dura. Lo interpreta Jack Black, perfetto nel rendere l’entusiasmo quasi bambino per la musica e il divertimento di Jan sotto cui serpeggia l’ansia e la paura di un uomo che vive una perenne menzogna a cui, però, ogni tanto pare credere lui per primo. E si tratta di un film biografico, perché Jan è davvero Il Re della Polka (titolo che si è dato da solo ma pur sempre un titolo) e ha davvero truffato per anni un sacco di persone in Pensylvania. Il film brilla soprattutto per l’interpretazione di Jack Black, in bilico tra l’entusiasmo di una persona innamorata della vita e la paura di essere beccato, ma la storia è piena di colpi di scena che possono avere senso solo nella realtà e sul finale sfiora momenti a suo modo poetici quando Jan riflette sulla musica e il senso della vita.

FALLET

Lo sapevate che gli svedesi hanno un gran bel senso dell’umorismo? In Fallet ci sono due detective, Sofie Borg, una svedese stile badass dura e tosta, l’altro è Tom Brown, un inglese in stile molto molto british da mistero da salotto. Tutti e due sono però due discrete pippe, lui ha pure visioni della madre morta e asfissiante, lei beve un pelo troppo. Si incontrano perché nel paesino svedese di Norrbacka trovano morto un cittadino inglese e serve un aiuto esterno. Borg & Brown si scontrano con diversi segreti e misteri della piccola cittadina, come da tradizione delle piccole cittadine piene di segreti e misteri, sono aiutati da un fin troppo entusiasta commissario e dal suo inutile sottoposto. La serie fa sorridere di continuo ed è pure un discreto giallo che gioca di continuo sui cliché delle piccole cittadine in cui ci sono misteri misteriosi e complottisti complottanti, dura solo 8 episodi da 30 minuti ciascuno e pare sia in lavorazione un remake americano.

Quattro commedie diverse tra loro che potete inserire nella vostra Watch List e lasciarle a prendere la polvere come fate sempre, ripetendovi “Questo poi lo vedo” ma sapendo già in cuore vostro che è solo un tentativo inutile di arginare la FOMO e lo tsunami di contenuti che ci vengono sparati in faccia di continuo.

 

 

 

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi