It, la recensione: poco orrore, molta avventura