STAI LEGGENDO : Four Against Darkness: giù tu, giù noi.

Four Against Darkness: giù tu, giù noi.

Condividi su:

Una storia di amicizia

Paolo, seduto sul divano, osserva un dado, immobile. In mano tiene una matita e un pezzo di carta, su cui è disegnata quella che sembra essere una mappa e il manuale di Four Against Darkness.

Paolo osserva il dado, scartabella qualche foglio in cerca di qualcosa, riguarda la mappa e poi di nuovo il dado.

Non riesce a darsi pace.

Papà vieni a giocare con noi, dai!
Certo Davide, arrivo”.

A cena Paolo è tranquillo, sorridente come sempre. Gioca coi bambini, chiacchiera con la moglie e quando tutti ormai dormono fa quello che ormai è consuetudine fare quando siamo in difficoltà: chiede alla rete.

 

[Tutta la disperazione di Paolo]

 

Paolo e il suo party, durante l’esplorazione di un dungeon, si sono imbattuti in una terribile Medusa. Nessuna possibilità di salvezza, nessuna via d’uscita. Come fai a dormire con il pensiero dei tuoi 4 eroi pietrificati? Impossibile.

La community di Four Against Darkness online è molto viva. A rispondere ai giocatori è spesso lo stesso Andrea Sfiligoi, ideatore del gioco.

Crea un altro gruppo per andarli a riprendere” gli risponde Daniel.
C’est la vie” gli dice Nicola.

Alessandro, che sente tutto il dolore di Paolo, gli racconta la sua esperienza: party dimezzato “sulla via di casa”. Ha perso un mago e uno spadaccino, entrambi di quinto livello. Una tragedia.

[Una classica sessione di Four Against Darkness]

L’idea di andarli a riprendere stuzzica Paolo ma c’è un problema. Quando il suo party è entrato nel dungeon i nemici sono stati generati con la tabella dei "mostri diabolici". Se Paolo crea un nuovo gruppo sarà costretto a partire dal primo livello. Una sfida impossibile.

Sì, perché in Four Against Darkness tutto viene generato proceduralmente con un semplice lancio di dadi. Ogni stanza, ogni nemico, ogni azione viene inesorabilmente decisa da un lancio di dadi.

Si entra in un dungeon si generano i mostri, si combatte, si cercano tesori, si guadagna esperienza e se hai fortuna sopravvivi al boss finale e torni a casa. Solo i migliori potranno raccontarlo davanti a una pinta di birra nella locanda del paese.

Se sei cresciuto a pane e D&D, Four Against Darkness fa per te. Una sessione di gioco si prepara in pochi minuti e l’esperienza è molto più vicina a un gioco di ruolo che a un gioco da tavolo (esclusa la parte recitativa).  Non dovrai solo perlustrare un dungeon e sconfiggere creature immonde. Le scelte a tua disposizione, tutte perfettamente spiegate nel manuale, saranno molteplici. Potrai sigillare una stanza con i chiodi per sfuggire ad un nemico (hai comprato chiodi e martello al mercato?), potrai caricarti sulle spalle un tuo compagno morto, portarlo fuori dal dungeon e farlo resuscitare (ti costerà un po’).

[Farsi prendere la mano è un attimo, occhio]

Se affrontare un dungeon da solo ti spaventa non ti preoccupare. Four Against Darkness può essere giocato in solitario, in modalità cooperativa o anche competitiva, D.C.P.M. permettendo.

È difficile inquadrare Four Against Darkness e questo forse è anche il suo pregio maggiore. Il giusto compromesso tra una partita a D&D e un dungeon crawler da tavolo.

[You go, we go]

A casa di Paolo tutti stanno dormendo. È passato del tempo da quando i 4 eroi sono stati pietrificati da una terribile medusa.
Un gruppo di avventurieri sta varcando l’entrata di un dungeon. Hanno fatto molta strada e superato molte avversità prima di arrivare lì. Un guerriero e un barbaro si fanno avanti seguiti da un chierico e un mago.

Paolo ha in mano una matita, un dado da 6 e un foglio di carta con una mappa che gli è familiare. Accenna un sorriso.
C’è qualcuno da salvare. Perché gli amici, anche se immaginari, non si lasciano mai indietro.

 

Bonus track: per Four Against Darkness sono disponibili molte espansioni che permettono una personalizzazione avanzata del gioco. La community online è davvero attivissima e su BGG si trova una quantità di materiale creato dagli appassionati di altissimo livello. 

Qui un compendio di due pagine da stampare fronte retro da usare durante il gioco, per evitare di sfogliare continuamente il manuale.

Qui dei template per schede personaggio, incontri e disegno della mappa, molto utile per giocare.

related posts

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi