STAI LEGGENDO : Diabolik – Colpi e Indagini, un gioco da tavolo crime con il Re del Terrore

Diabolik – Colpi e Indagini, un gioco da tavolo crime con il Re del Terrore

Condividi su:

Diabolik – Colpi e Indagini: un gioco da tavolo da 2 a 4 giocatori con il Re del Terrore di Pendragon Game Studio e ideato da Luca Maragno

Per scrivere questa recensione di Diabolik – Colpi e Indagini ho pensato subito che il modo migliore fosse immergersi nelle atmosfere noir del fumetto nato da una idea di Angela e Luciana Giussani.

Sono andato in edicola una domenica mattina con la scusa di una passeggiata e insieme all’ultimo numero di Dylan Dog ho preso una copia di Diabolik.

Sono rimasto piacevolmente sorpreso di come Diabolik sia rimasto indenne al passare del tempo: misterioso e inafferrabile, capace di adattarsi ai tempi e ai cambiamenti storici e sociali. In oltre 60 anni di storia non ha perso neanche un filo del suo incredibile fascino.

Portare un personaggio così complesso e ingombrante sul tavolo di gioco deve essere stata una impresa decisamente complessa.

Ma in fondo, citando Mario Gomboli, direttore Editoriale di Astorina srl, “la sfida tra Diabolik e Ginko non è altro che un gioco che i due portano avanti da anni divertendosi”.

[Il contenuto della scatola]

 

Ma andiamo con ordine.

Diabolik – Colpi e Indagini è un gioco da tavolo da 2 a 4 giocatori in cui potremo vestire i panni della coppia Diabolik e Eva Kant oppure quelli dei detective Ginko e Morrigan.

Il titolo è sviluppato da DAMThings! che ha scelto la via di una gameplay semplice ma allo stesso tempo con la giusta profondità (non è un “cinghiale” ma non è neanche un “family”).

Lo scopo del gioco per il Re del Terrore e Eva sarà quello di portare a termine due colpi su tre di quelli selezionati casualmente durante il setup iniziale. I detective, indagando per lo stato di Clerville, dovranno alzare il Livello di Pericolo per mandare in fumo i piani di Diabolik.

La sfida per Pendragon Game Studio, DAMThings! e Astorina si giocava tutto qui. Come innovare il genere dei giochi a movimento nascosto cercando di creare le giuste dinamiche per un titolo a tema crime?

Semplice, con piccole innovazioni che non stravolgono il genere ma che ben si adattano al tema.

[SWISSS]

 

I movimenti nascosti di Diabolik e Eva vengono gestiti tramite un semplice mazzo di carte (carte luogo), che vengono posizionate sulla plancia di gioco. Ogni carta è un possibile indizio che la squadra dei detective può utilizzare per cercare i rivali. La meccanica è semplice ma ben rende la sensazione di caccia alla coppia di fuggitivi.

Questa fase è alternata da un’altra meccanica vincente, quella dell’inseguimento. Se i detective utilizzano l’azione “indaga nel luogo” nel punto esatto in cui si trovano Diabolik o Eva (o anche nel caso in cui si attivino alcuni colpi) i due fuggitivi potranno utilizzare la celebre Jaguar nera per fuggire (non insieme, ma solo uno alla volta).

Ad arricchire l’esperienza di gioco c’è un ulteriore fattore: le squadre sono asimmetriche. Si muovono e operano in modo totalmente diverso e tutti i personaggi hanno una speciale abilità unica, tratto che li caratterizza ancora di più. Ogni squadra ha a disposizione un mazzo di carte unico che riprende molti degli elementi caratteristici del fumetto come il celebre pugnale di Diabolik o il Penthotal.

Il regolamento del gioco è, come sempre nei giochi Pendragon Game Studio, ben strutturato, chiaro e con tutto quello che serve per apprendere il gioco velocemente. Per i più pigri è possibile giocare una partita introduttiva a “Fuga da Clerville”, una versione semplificata del gioco completo che ben introduce alle meccaniche di gioco. Questo permette di portare al tavolo anche giocatori meno “navigati”.

La longevità del titolo è assicurata dalla possibilità di giocare con Diabolik/Eva o Ginko/Morrigan e da un setup iniziale sempre diverso.

 

[Una questione di dettagli]

 

Ho lasciato per ultimo l'aspetto che più mi ha entusiasmato: i materiali. Il gioco, una volta intavolato, è uno spettacolo per gli occhi. La cura dei materiali, le scelte grafiche di tutti i componenti sono di qualità altissima. Ogni singolo componente trasuda l’atmosfera noir del fumetto. Impossibile non restarne affascinati.

In Diabolik – Colpi e Indagini ogni cosa è stata pensata per calarci al meglio in una storia crime/noir con una delle icone più importanti della storia italiana del fumetto. Pendragon Game Studio e Luca Maragno di DAM Things! non si sono fatti spaventare  e sono riusciti a superare brillantemente una sfida piena di insidie.

Ah, per la cronaca: io ho sempre tifato per Ginko.

[Video Tutorial di Diabolik - Colpi e Indagini qui]

Lo so, molti di noi sono di nuovo in lockdown.

Ecco, cliccate qui allora.

Commenti

related posts

Come to the dark side, we have cookies. Li usiamo per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi