Contro la retorica del “buon libro”