L’amore (o quel che resta) ai tempi di Netflix